Monitoraggio roditori

Prima di dover agire su un’infestazione di topi o ratti su larga scala, è preferibile effettuare un accurato monitoraggio dei roditori che permetta di intervenire, se necessario, quando il problema è ancora contenuto.


Se un tempo la derattizzazione era essenzialmente basata sull’intervento chimico per l’eliminazione dei roditori infestanti, oggi la nuova normativa vigente (Regolamento Biocidi UE 528/2012) e un’ottica ecologica di maggior rispetto dell’ambiente, fanno preferire un approccio maggiormente preventivo, nel quale si monitori costantemente l’eventuale presenza di infestanti per intervenire prontamente solo quando sia davvero necessario. Il monitoraggio può essere svolto sia adescando gli erogatori con esca virtuale con biomarcatore, che permette di individuare anche i percorsi dei roditori rendendo gli escrementi visibili con lampade a luce nera, sia impiegando dispositivi a cattura, collanti o meccanici.

La profilassi antimurina, e quindi la derattizzazione, può essere effettuata sia nelle aree esterne che in quelle interne, a seconda delle necessità. In entrambi i casi ci si serve di erogatori ad esca e sistemi di cattura, il cui posizionamento viene studiato durante il sopralluogo preliminare e in base alla specifica specie di topo o ratto presente o sospettata. Tali esche vengono dunque piazzate nei punti critici, costruendo una sorta di perimetro, o doppio perimetro, protettivo dell’area in questione. Regolari controlli rileveranno così sia le specie di roditori presenti, sia le loro abitudini e i percorsi di spostamento, dando così utili informazioni per pianificare un intervento. In esterno si potrà inoltre installare una serie di dispositivi completamente ecologici che attirino sia topi che ratti in un ambiente per loro ideale, con effettiva disponibilità alimentare e lontano dalle aree da proteggere, in modo da dirottarne i movimenti.
Gruppo Indaco dispone inoltre di un servizio di monitoraggio elettronico basato sull’utilizzo di un palmare in grado di leggere un QR code, associato alle singole postazioni di monitoraggio in essere presso il Cliente.

Il codice permette il riconoscimento del Cliente e della postazione servita (tipologia, numero ed area in cui è posizionata); scansionando tale codice, è possibile registrare la manutenzione effettuata sulle postazioni e i risultati del controllo ordinario (numero di catture o livello del consumo di esca). Il palmare è dotato di fotocamera, in modo da consentire anche di scattare fotografie, localizzabili sulla planimetria, riguardanti le condizioni strutturali e igienico-sanitarie del sito e altre situazioni che potrebbero rivelarsi utili al fine della prevenzione delle infestazioni.

  • Riassumendo, ecco gli infestanti che vengono controllati con un monitoraggio dei roditori:
  • Mus musculus (topolino domestico)
  • Rattus norvegicus (ratto di fogna)
  • Rattus rattus (ratto dei tetti)
  • Arvicole

Per discutere con un nostro responsabile del monitoraggio roditori necessario alla vostra azienda, contattateci subito: basta cliccare qui.

Hai bisogno di aiuto?

Invia la foto del tuo infestante